Home ] torna su ] LO STUDIO ] DOVE SIAMO ] CONTATTI ] ATTIVITA' ] LINKS ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Diritto penale

costituzione della repubblica

italiana

Articolo 25

Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge .

Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso.

Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti dalla legge.

Articolo 27...............................

La responsabilità penale è personale.

L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.

Non è ammessa la pena di morte

 

 

LEGISLAZIONE PENALE 

 

REATI contro la persona 

Decreto legge  n 93/2013 pubblicato in G.U.  del 16/08/13 ed emesso  per contrastare  la violenza di genere e lo stalking. La legge costituisce il seguito di un percorso, già iniziato nel 2009,  per  combattere gravi patologie dei rapporti interpersonali e, sempre più spesso, familiari.

MISURE di PREVENZIONE: Legge 13 ottobre 2010 n. 175  

"Disposizioni concernenti il divieto di svolgimento di propaganda elettorale per le persone sottoposte a misure di prevenzione" pubblicata sulla Gazz. Ufficiale n. 252 del 27/10/2010 (pena da uno a cinque anni)

 

CIRCOLAZIONE STRADALE: Corte di Cassazione - Prima Sezione  Penale - Sentenza 01 febbraio -15 marzo 2011 n. 10411.

Ipotizzato l'omicidio volontario in caso di guida particolarmente spericolata che cagioni la morte. Nel caso di specie l'imputato era passato, tra l'altro, ripetutamente con il rosso. Il testo della sentenza è reperibile sul sito del Sole 24 ore - guida al diritto  in documento PDF 

 

STUPEFACENTI: Cass. Pen Sezioni  Unite n. 36258 del 20  settembre 2012 su aggravante Ingente quantità 

La sentenza risolve un contrasto circa la necessità di ancorare l'aggravante al parametro ponderale. La decisione fissa una soglia minima, lasciando alla discrezionalità del giudice i casi di superamento, che andranno comunque valutati secondo criteri già da tempo individuati da parte della giurisprudenza. 

CAUSE DI ESTINZIONE DEL REATO:  Cass. Pen. SeZ. Un. 36837 dep. 15/10/10  (link al sito della Corte di Cassazione)

  STUPEFACENTI: Cass. Pen Sez. Unite n. 35737 del 05 ottobre 2010

Sull'impossibilità  del concorso tra indulto e sospensione condizionale della pena: la seconda  prevale sul primo quale causa estintiva del reato

L'attenuante di cui al 5 comma art. 73 D.P.R. 309/90 può concorrere con l'aggravante della vendita di sostanza stupefacente  al minore

AGGRAVANTE MAFIOSA:  Cass. Pen. Sez. Fer. 12/08/10 n.32080.  

Sull'aggravante art. 7 l. 203/91 e art. 390 c.p: l'aggravante non costituisce un automatismo anche  se il  latitante e' esponente di spicco  di una associazione di stampo mafioso

AGGRAVANTE della CLANDESTINITA'Corte Costituzionale sent. n. 249-2010 del 5/7/2010 (dep. 8/7/10)

llegittimità costituzionale dell'aggravante di cui all'art. 61 n.11-bis cod. pen. (clandestinità) e dell’art. 656, comma 9, lettera a), c.p.p, limitatamente alle parole «e per i delitti in cui ricorre l'aggravante di cui all’art. 61, primo comma, numero 11-bis"

AGGRAVANTE della RECIDIVA:  Cassazione - Sezioni Unite Penali  Sentenza  05/10/2010  n. 35738. 

Importante arresto giurisprudenziale sulla facoltatività dell'applicazione della "recidiva reiterata".

PRESCRIZIONE: Cass. Penale Sez. Unite n. 47008/2009

La pendenza del grado di appello, ai fini dell'applicabilità o meno  dei  nuovi termini prescrizionali,  inizia con la lettura del dispositivo della sentenza di primo grado 

PRESCRIZIONE: Cass. Pen. Sez. II 25/05/2010 n.22357 

Ordinanza di rimessione della questione di legittimità costituzionale della norma transitoria di cui all'art. 10 comma 3 legge 251/2005 per contrasto con l'art.117 Costituzione: un ennesimo esempio di necessità di adeguamento alle decisioni sovranazionali 

AGGRAVANTI NEL REATO DI VIOLENZA SESSUALE Cass. Pen III sez pen. 19.01.2018 (dep. 16.07.2018)
Non ricorre l'aggravante dell'uso di sostanza alcoliche  comma 1, n. 2)  c.p. se la vittima di violenza sessuale le ha assunte volontariamente.

.

 

 

 

Iscrizione n. 2657 all'Albo degli Avvocati presso il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna - Partita IVA 04018330375

Azienda premiata con lo Statuto Cylex Silver Statistiche